Kumano kodo

Kumano kodo – Un pellegrinaggio in Giappone

Un’esperienza unica per gli amanti del Giappone è il Kumano Kodo, pellegrinaggio per eccellenza, con più di Mille anni di storia

Il Kumano Kodo è il pellegrinaggio più antico e popolare del Giappone. Insieme al pellegrinaggio di Shikoku rappresenta una meta sempre più ambita del turismo religioso e spirituale.

Si sviluppa lungo l’estremità più a sud della penisola di Kii, in una regione sacra che in passato prendeva il nome di Kumano. Kumano è infatti considerato un luogo di benessere, la dimora degli dei.

Si tratta di una rete di sentieri che, da più direzioni, convergono in uno dei più importanti santuari del Giappone, il Kumano Hongu Taisha. Questo, insieme ai vicini Kumano Hayatama Taisha e Kumano Nachi Taisha, rappresentano i tre Grandi Santuari di Kumano, mete appunto di questo importante pellegrinaggio.

Storia del Kumano Kodo

Kumano kodo

Art di Kaino Eitoku

Nel VI secolo, quando il Buddhismo arrivò in Giappone, la zona del Kumano divenne un luogo di formazione ascetica, e tra il IX e il X secolo acquistò un tale valore da venir considerata terra sacra.

Fu tra l’XI e il XIII secolo che la famiglia imperiale cominciò a frequentare Kumano e le sue vie di pellegrinaggio. Questo portò alla costruzione di edifici sacri, santuari e infrastrutture, e alla creazione di organizzazioni che si occupassero della gestione dell’area. Bastò poco tempo perchè arrivassero pellegrini da ogni parte del Giappone.

Dopo un periodo di forte instabilità politica ed economica, tra il XVII e il XIX secolo il Kumano Kodo ricevette una nuova spinta in termini di investimenti e popolarità, grazie soprattutto ai 270 anni di pace sotto lo shogunato Tokugawa, con sede a Edo, l’odierna Tokio.

Nel XIX secolo tutto cambiò. Il Giappone fu costretto ad aprirsi al mondo, e per diventare uno stato moderno, l’imperatore Meiji decise di adottare misure drastiche sia a livello politico che religioso. Mentre l’intero sistema feudale veniva smantellato, fu proibito ogni sorta di sicretismo tra Shontoismo e Buddhismo. Centinaia di templi vennero distrutti, così come vennero rimosse statue e oggetti sacri dai luoghi originari. Moltissimo andò perso.

Fu solo negli anni ’90 che le persone ricominciarono a percorrere e riscoprire il Kumano Kodo. Quando poi, nel 2004, divenne Patrimonio Unesco dell’Umanità, il numero di pellegrini aumentò esponenzialmente.

Oggi il Kumano Kodo è una straordinaria opportunità, per giapponesi e stranieri, di immergersi nella spiritualità e nella più antica cultura giapponese, riscoprendo tradizioni ormai perdute.

Le quattro vie di pellegrinaggio del Kumano Kodo

kumano kodo

foto di tb-kumano.jp

Il Kumano Kodo si compone di quattro vie di pellegrinaggio, da fare esclusivamente a piedi (bici e cavallo non sono infatti permessi).

  1. Nakahechi, considerata la Via imperiale per Kumano, è il Kumano Kodo per antonomasia. Utilizzata dagli antichi imperatori del Giappone per raggiungere la terra sacra, è ad oggi la più frequentata, forte di infrastrutture ben consolidate ed efficienti. Ha inizio a Tanabe, presso il santuario di Takijiri-oji, e proseguendo verso est raggiunge il Gran Santuario di Kumano Hongu Taisha. Da qui un ulteriore tratto conduce al secondo Gran Santuario di Kumano, il Naichi-taisha.
  2. Kohechi, considerata la Via tra le montagne, è un percorso molto isolato e privo di adeguate infrastrutture. Attraversa da nord a sud le montagne centrali della penisola di Kii, giungendo, dopo circa 70km, al Gran Santuario Kumano Hongu Taisha. Le informazioni in inglese sono limitate, le mappe scarse e la difficoltà elevata. Difficile quindi da organizzare a distanza.
  3. Ohechi, la via della costa, era in passato la maggiore via di pellegrinaggio per Kumano. Oggi, non è possibile percorrerla, causa segnaletica incompleta, mancanza di mappe e indicazioni in inglese e mancanza di infrastrutture. Inoltre la maggior parte del tracciato corrisponde a strade molto trafficate, privando il pellegrinaggio della serenità e spiritualità che merita.
  4. Iseji, la via orientale, percorre la costa orientale della penisola di Kii. Parte dal santuario di Ise-jingu e, verso la fine si snoda in due direzioni.

La prima, diretta al Santuario di Kumano Hongu Taisha, si sviluppa in 19 tappe per un totale di circa 200km.

La seconda, diretta al santuario Hayatama-taisha, si sviluppa in 16 tappe per un totale di circa 160 km.

Nakahechi, la via imperiale verso Kumano

Il Nakahechi ha inizio a Tanabe, in particolare dal tempio di Takijiri-oji, confine dell’antico regno di Kumano. Da qui il pellegrinaggio si muove verso est, immergendosi nel cuore della penisola di Kii, scoprendone le montagne, e raggiungendo infine il Gran santuario Kumano Hongu Taisha.

Dopo aver pagato il tributo al santuario Kumano Hongu Taisha, i pellegrini viaggiavano in barca lungo il Kumano-Gawa River fino a Kumano Hayatama Taisha, il secondo dei tre grandi santuari.

Una visita poi al Kumano Nachi Taisha completava il pellegrinaggio.

kumano Kodo

foto da tb-kumano.jp

Ancora oggi è così: si raggiunge infatti il santuario di Hayatama Taisha tramite barca e il santuario di Nachi Taisha per mezzo di un ulteriore tratto a piedi.

Il pellegrinaggio di Nakahechi è tra tutti quello più attrezzato e popolato. Si vede dalla segnaletica, perfetta e in duplice lingua, inglese e giapponese, dalle infrastrutture, dai trasporti e dalla quantità di persone che ogni anno decide di percorrerlo.

Può essere tranquillamente affrontato in due tappe, rispettivamente di 17km e 21km. Per chi non ce la facesse c’è anche la possibilità di dividerlo in ulteriori tappe.

Prima tappa

Lunghezza: 17km

Inizio: Tanabe, tempio di Takijiri-Oji

Fine: Tsugizakura-oji

Il pellegrinaggio parte dal tempio di Takijiri-Oji, accanto al Tonda river. Camminando lungo un sentiero di montagna si passa attraverso i villaggi di Takahara e di Chikatsuyu fino ad arrivare a Tsugizakura-oji.

I dislivelli non sono impegnativi, e in questa prima tappa si arriva a un’altezza massima di 700 metri. Sono diversi i punti di ristoro sparsi lungo il percorso, quindi non sarete costretti a portare con voi il pranzo.

kumano kodo

Foto di https://goo.gl/vPhOXa

Seconda tappa

Lunghezza: 21km

Inizio: Tsugizakura-oji

Fine: Kumano Hongu Taisha

Questo tratto, di 21km, si sviluppa lungo magnifici sentieri di montagna tra le foreste.

Attraversa Hosshinmon-oji, conosciuta come “la porta del risveglio dell’aspirazione verso l’illuminazione”, e come ingresso esterno all’area sacra di Kumano Hongu Taisha.

Si arriva a Fushiogami-oji, un punto panoramico dal quale si vede per la prima volta, in lontananza, il santuario del Kumano Hongu Taisha. Qui i pellegrini solevano cadere in ginocchio e pregare ( la parola Fushiogami significa proprio questo).

Là, nel punto più basso della valle, sorge Oyunohara, il sacro banco di sabbia dove originariamente sorgeva il santuario, distrutto nel 1886 da un’inondazione.

La leggenda narra che le divinità di Kumano, prese le sembianze di tre lune, discesero tra i rami di una quercia gigante proprio in quella radura.

Oggi il Gran Santuario di Kumano Hongu Taisha sorge su un crinale, circondato da giganti cedri e cipressi. Ad accoglierci l’imponente porta in acciaio, la Otorii, che alta 40 metri e larga 42 metri, venne eretta nell’anno 2000. Questa, oltre a segnare l’entrata all’area sacra del santuario, traccia una netta linea tra il mondo secolare e quello spirituale. Importante e folkloristico il Festival d’estate, che si tiene tra il 13 e il 15 aprile.

I dislivelli sono minimi, quindi non si tratta di un percorso particolarmente impegnativo.

Non ci sono luoghi di ristoro lungo la via, quindi è necessario portare con se provviste di cibo e abbondante acqua.

Da Kumano Hongu Taisha a Kumano Nachi Taisha

Per raggiungere il santuario di Kumano Nachi Taisha è necessario percorrere un ulteriore tratto a piedi, fattibile in entrambe le direzioni. Si tratta di due tappe, rispettivamente di 13km e 14,5km.

Prima tappa – KOGUMOTORI-GOE

Lunghezza: 13km

Inizio: Ukegawa

Fine: Koguchi

Il tratto che da Ukegawa ( dove si trova il santuario di Kumano Hongu Taisha) va a Koguchi prende il nome di Kogumotori-goe.

Il sentiero inizia passando da un insieme di case. Una salita graduale attraverso cedri, cipressi, foreste native e crinali di montagna ci porta, dopo appena 5km, a Hyakken-gura. Uno dei luoghi in assoluto più belli del Kumano Kodo, un punto panoramico da cui è possibile ammirare le 3600 vette sacre di Kumano.

kumano kodo

Foto da https://goo.gl/TJwpdH

Dopo una serie di sali e scendi si giunge alla Casa del Tè di Sakura-jaya. Una storia narra che in antichità, quando i proprietari della casa del tè vedevano giungere in lontananza qualche pellegrino, si preparassero ad accoglierlo mettendo già a bollire sul fuoco l’acqua per il tè. Oggi rimane un buon posto dove fermarsi per un break.

Una breve discesa ci conduce alle rive del fiume Akagi-gawa. Qui, sul ciottolato in pietra, potrete vedere una serie di piccole tavolette di preghiera lasciate dagli asceti Yamabushi della montagna, che periodicamente percorrono il pellegrinaggio come formazione spirituale.

Si oltrepassa il ponte e si giunge a Koguchi.

A Koguchi trovate due sistemazioni: Koguchi Shizen-no-Ie, and Minshuku Momofuku.

Mi raccomando prenotate.

I dislivelli non sono affatto impegnativi, raggiungendo al massimo quota 400m.

Non troverete lungo il sentiero luoghi di ristoro, quindi portate con voi l’acqua e il cibo sufficienti per la giornata.

É servito dai mezzi, quindi per qualsiasi problema non c’è da preoccuparsi.

Seconda tappa – OGUMOTORI-GOE

Lunghezza: 14,5km

Inizio: Koguchi

Fine: Nachisan, Gran santuario di Kumano Nachi Taishi

Dei due è il tratto più duro.

Si tratta di un continuo sali e scendi, con dislivelli più impegantivi rispetto a prima. Fin dai primi chilometri si raggiunge quota 1000metri, partendo da un altezza di appena 400m.

Non troverete luoghi di ristoro o servizi lungo il percorso, solo qualche casa qua e là.

Il percorso si snoda interamente in mezzo alle montagne e ai suoi boschi. Alcune storie narrano addirittura che queste alte montagne siano dimora degli spiriti dei morti.

Ormai mimetizzati tra la natura potrete riconoscere le antiche mura di pietra che in passato servivano per terrazzare le risaie.

Kumano Kodo

Foto da https://goo.gl/ZP76Rn

A un certo punto passerete davanti a una grande roccia, completamente ricoperta di muschio, ai lati di un’antica e consumata scala di pietra. Si tratta della roccia di Waroda-ishi, sulla quale è possibile distinguere tre simboli scolpiti, chiamati Bonji. Si tratta di caratteri sanscriti utilizzati per rappresentare i Buddha e Bodhisattva.

Da sinistra a destra rappresentano:

  • Kannon, bodhisattva della Misericordia, venerato nel santuario di Kumano Nachi Taisha
  • Yakushi, Buddha per la guarigione, adorato nel santuario di Kumano Hayatama Taisha
  • Amida, Buddha della compassione e della saggezza, adorato al santuario di Kumano Hongu Taisha.

È qui che le divinità si crede si incontrino e chiacchierino davanti ad una tazza di tè.

Dopo altri sali e scendi raggiungerete il Monte Myoho. Qui ad attendervi ci sarà il santuario di Nachisan e un cimitero. Il Monte Myoho è considerato il “Monte Koya per le donne”, perché sede storica delle suore itineranti del Kumano Bikuni. Attive dal XVI al XVIII secolo diffondevano la fede di Kumano in tutto il Giappone.

Sul passo di Funami-toge si aprirà ai vostri occhi una vista magnifica, e la vastità dell’oceano Pacifico davanti a voi. Il villaggio di mare in lontananza è Katsuura, un famoso porto di pesca del tonno.

Da qui una ripida discesa porta al Nachi Kogen Park, dove ad accoglierci troveremo la tipica foresta giapponese di cedri e cipressi. Una serie sempre più numerosa di scale in pietra e grandi alberi ci annunciano che Nachisan è vicina.

kumano kodo

Il Gran Santuario di Kumano Nachi Taisha è magnifico, e fa da sfondo a una vista indimenticabile sulla cascata di Nachi-no-Otaki. Alta 133 metri, è la più alta di tutto il Giappone.

Il santuario ha una lunga storia e in passato veniva usato per l’allenamento dei monaci di montagna che praticavano Shugendo, un mix religioso di credenze indigene e straniere.

Il sentiero di Daimon-zaka vicino al santuario Kumano Nachi Taisha

Il sentiero di Daimon-zaka è lungo appena 1km.

Un’impressionante scalinata di ciottoli, con ben 267 gradini, si estende dalla base della valle di Kumano Nachi Taisha e si sviluppa intorno alla cascata. Alla fine del sentiero troverete l’imponente Meitosugi: si tratta di due grandi cedri, che per il loro intrecciarsi di radici, vengono chiamati “marito e moglie”.

Kumano Kodo e Cammino di Santiago, uniti per il Dual Pilgrim

credenziale logo dual pilgrimIl Kumano Kodo non ha bisogno di nessuna credenziale. Se però avete fatto il Cammino di Santiago, o desiderate farlo, c’è una sorpresa per voi. Il Kumano Kodo si è da qualche anno gemellato con il Cammino di Santiago, e insieme hanno dato vita al Dual Pilgrim, un certificato di avvenuto pellegrinaggio che si ottiene solo percorrendo entrambi i pellegrinaggi.

Se per esempio hai già ottenuto la Compostela, e stai facendo il Kumano Kodo, chiedi la credenziale dedicata in questi uffici:

  • Ufficio del turismo di Tanabe
  • Ufficio del patrimonio di Kumano Hongu (vicino al santuario Kumano Hongu Taisha)
  • Ufficio del pellegrino al Kumano Kodo Kan (vicino a Takijiri-oji)

Le condizioni perché il Kumano Kodo sia ritenuto effettivamente compiuto sono quelle di percorrere, esclusivamente a piedi, le seguenti vie:

  • Nakahechi
  • Kogumotori-goe + Ogumotori-goe
  • Da Hosshinmon-oji (vedi nella seconda tappa del Nakahechi) + visita al Kumano Hayatama Taisha e ak Kumano Nachi Taisha
  • Koyasan vero il Kumano Hongu Taisha.

Se hai già fatto il Cammino di Santiago e ricevuto la Compostela, una volta compiuto il Kumano Kodo registrati per ricevere la Dual Pilgrim. Puoi recarti sia al Kumano Kodo Heritage Center, sia all’ufficio turistico di Tanabe.

Per chi ottiene questo importante riconoscimento, presso il santuario di Kumano Hongu Taisha, viene celebrata una speciale “Cerimonia Taiko per Dual Pilgrim”.  Durante questa è possibile suonare il sacro Taiko, espressione delle emozioni provate lungo il cammino e segno che il viaggio spirituale intrapreso è giunto al termine.

  •  Deborah Torreggiani

    Ciao sono Deborah Torreggiani Editor e Co – Founder di Apiediperilmondo.com. La nostra missione è racchiudere in un solo portale tutte le informazioni sui viaggi a piedi, attraverso le nostre esperienze e il nostro lavoro.  Creo dei testi chiari e ricchi di informazioni per aiutarti a trovare tutto ciò che cerchi.
Foto in copertina da Flickr

Dati tecnici


 Inizio: Tempio di  Takijiri-Oji

 Fine: Tempio di Kumano Nachi Taisha

 Lunghezza: 65 Km

 Difficoltà: Turistica – Escursionistica TE

 Tempo Stimato: 4 giorni

 Periodo Consigliato: tutto l’anno

 Segnaletica: giapponese e inglese

NEWSLETTER

Patch Apiediperilmondo

Instagram

#walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #traveller #blogger #hike #instagrammers #instagramhub #igers #travelblogger #globetrotter #photography #spraypaint #art #urban #portugal #happy
Walk on #walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #portugal #blu #portugal #love #sun #sea #sand #followme #instagood #instagramhub #instagrammers #wanderlust #camminare #hike #trekking #walking #igers #blogger #traveller #globetrotter
Walk on the Rota Vicentina #walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #followus #instagramhub #instagrammers #instagood #hiker #hikers #cliff #camminare #igers #traveller #trekking #enjoy #sea #sun #love #portugal #blu
Walk on the Rota Vicentina in Portugal #walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #portugal #alentejo #followus #instagramhub #instagrammers #instagood #hiker #hikers #igers #camminare #viaggi #travel #globetrotter
#Day104 😊😊😊Grazieeeeeeee!!!!😊😊😊 Un abbraccio calorosissimo a tutte le decine di persone che da ieri hanno iniziato ad acquistare il nostro #libro "Come organizzare il Cammino di Santiago"

Speriamo che vi sia utile ad intraprendere quel viaggio che vi porterà tantissima gioia. 🚶🏻Intanto noi continuiamo a camminare per darvi maggior i informazioni anche su altri percorsi.👣🌎 Notte passata in tenda⛺️, l'accoglienza di Carina a Vale Seco è stata molto piacevole.. Grazie.. Stanotte un po' di pioggia ha rinfrescato l'aria è la temperatura è decisamente perfetta per camminare .

Ieri abbiamo beccato altri hikers che come noi stanno percorrendo la Rota Vicentina, tra un po' dovremmo rincontrarli.

Buona domenica a tutti 
Apiediperilmondo.com 👣🌎 #walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #alentejo #portogallo #itinerari #camminare #hiker #instagood #instagrammers #instagramhub #followus
📌[Come organizzare il Cammino di Santiago - Il Libro]

Finalmente #online sul più grande store mondiale il nuovo #libro di Apiediperilmondo. 
Acquistabile in prevendita.

Dall'esperienza dei #fondatori di Apiediperilmondo.com 
Vincenzo Martone e Deborah Torreggiani, che insieme hanno percorso in questi anni ben 17 #cammini in due, é nato:

#comeorganizzareilcamminodisantiago
"Come organizzare il Cammino di Santiago"

Finalmente una guida pratica e completa che ti accompagna passo passo e ti fa partire con il piede giusto.

Insomma, un vero e proprio #manuale delle #istruzioni, livello beginner, per chi vuole sapere cos’e il Cammino di Santiago e come funziona, e soprattutto quali sono i passi giusti da fare per #organizzarlo al meglio. 
L’#obiettivo è descrivere la realtà senza giri di parole, offrire spunti di riflessione e alternative, e spronare a fare, a programmare, a prendere decisioni.

Tantissimi i temi affrontati: Credenziale, sello e Compostela, con approfondimenti su casi specifici Mezzi di trasporto e consigli su come raggiungere le località di partenza di ciascun Cammino. Dove dormire e cosa mangiare sul Cammino, quindi albergue, menù del pellegrino e piatti tipici, Cosa mettere nello zaino, e tanto tanto altro ... Perché se sai come fare è facile partire col piede giusto! 
https://www.apiediperilmondo.com/come-organizzare-il-cammino-di-santiago/

#Libri #novità #news #Apiediperilmondo #camminodisantiago #walkingeurope #caminodesantiago #camminare #viaggiapiedi #viaggi #travel #shop #comeorganizzare
#Day101 🚋 Lisbona non ci lascia andare. Un po' per stanchezza un po' perché stiamo portando a termine un progetto molto importante.

Abbiamo rimandato di qualche giorno la nostra partenza lungo la Rota Vicentina.. d'altronde si sa le cose possono cambiare molto velocemente. 
A breve una grossa Novità.. #walkingeurope #apiediperilmondo #lisbona #portogallo #caminare #cittáeuropee #portugal #video #instagrammers #instagood #instagram #itinerari #portugal #tram
#day99 🌃 Da Plaza Mayor di Madrid siamo passati a Praça do Comercio di Lisbona.. 🚎 Abbiamo provato l'ebbrezza dell'autobus notturno da Madrid a Lisbona, risultato?
Siamo a pezzi, manco li avessimo fatti a piedi tutti questi km.. ❌bocciato! ☀️ Alle 6:30 di questa mattina i 28 gradi ci hanno un po' preso alla sprovvista, ma qui a differenza di Madrid l'aria che entra nel golfo dall'oceano è piacevolissima.

Oggi cercheremo di goderci un po' questa meravigliosa città e domani partiremo in direzione Santiago do Cacem .. 😜👣🌎Rota Vicentina arriviamo .. ⛺️ 🌊 
#walkingeurope #apiediperilmondo #rotavicentina #trekking #hiking #walkinthealentejo #walkinthealgarve #followus
#portogallo #portugal #itinerari #instagram #instagood #instagrammers
🔴[SI RIPARTE A PIEDI PER IL MONDO]

Eccoci qui, finalmente ci siamo e si riparte, il progetto "Walking Europe" continua. 📌https://www.apiediperilmondo.com/walking-europe/ 😜Il nostro riposo, che riposo non è stato, è servito a realizzare un meraviglioso progetto che vi sveleremo tra qualche giorno. 🎁

Intanto siamo a Madrid, ancora in Spagna ma solo per qualche ora. Domani saremo a Lisbona ed inizierà la nostra avventura in Portogallo. 🚀Seguici e ti porteremo con noi lungo la meravigliosa Rota Vicentina, dall'Alentejo all'Algarve, da Santiago do Cacem fino a Cabo San Vicente. 🗺Sarà un viaggio differente alla scoperta di un Portogallo diverso, natura, scogliere a picco e tanti passi, lontano dai cammini di Santiago, più turistico se vuoi, ma meravigliosamente entusiasmante.

Seguici 
Ciao da Vincenzo & Deborah
di Apiediperilmondo.com 😊👣🌎
#Walkingeurope #apiediperilmondo #madrid #spagna #camminare #instagram#instagramhub #instagrammer #travel #travelling #followus #walk

SCARICA l’estratto GRATUITO e ricevi 3 approfondimenti in OMAGGIO sul Cammino di Santiago

I tuoi dati con noi sono al sicuro

Controlla nella tua casella E-Mail

Send this to a friend