Quanto conta camminare fino alla meta?

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Che tu decida di arrivare fino a Santiago de Compostela o di continuare fino a Finisterre, è davvero così importante camminare fino alla meta?

Come molti sapranno il Cammino di Santiago nasce a seguito dei ritrovamenti, nel IX secolo, delle spoglie dell’Apostolo Giacomo il Maggiore, che, si narra, avesse viaggiato in Spagna per diffondere il Vangelo e fosse stato qui riportato, dopo la sua morte, per volontà dei suoi discepoli. È uno dei tre principali pellegrinaggi della Cristianità medievale, insieme a quelli di Gerusalemme e di Roma, che da oltre 1000 anni coinvolge milioni di persone di tutto il mondo.

Nonostante l’evidente importanza di questo luogo, in realtà, sin dagli inizi, i pellegrini concludevano definitivamente il loro percorso arrivando a Fisterra (Finis Terrae: fine della terra fino ad allora conosciuta) dove si spogliavano, bruciavano tutti i vestiti, facevano il bagno nell’oceano, indossavano una tonaca bianca e, infine, raccoglievano le conchiglie che venivano cucite sul cappello o sul mantello a testimonianza del lungo tragitto compiuto.

Col tempo, le due località hanno conosciuto sempre maggior fama, diventando non solo mete spirituali, ma anche culturali e turistiche, l’una come capoluogo della Galizia e prestigioso centro universitario, l’altra raccogliendo attorno a sé e al “kilometro zero” l’interesse di appassionati e curiosi. Anche oggi, quindi, per ogni viandante che si mette in viaggio il passaggio in entrambi i siti, Finisterre e Santiago de Compostela, è quasi d’obbligo.


Arrivare fino alla fine

Per i pellegrini dunque arrivare alla Cattedrale e a Cabo Fisterra è sicuramente la meta più ambita, la conclusione di un percorso di penitenza, ricerca o devozione, fatto di rischi e sacrifici materialmente patiti con lo scopo di ricevere purificazione, salvezza o perdono, perlomeno in termini metafisici; ma anche per tutti coloro che non sono guidati da una motivazione religiosa, giungere a Santiago de Compostela e poi, più in là, fino all’oceano, è sicuramente un traguardo, un successo, una soddisfazione personale, una nuova scoperta.

Per chiunque toccare con mano il punto ultimo del Cammino è un’emozione intensa: pianti, sorrisi, festeggiamenti accompagnano spesso l’arrivo in Plaza do Obradoiro; dopo giorni o settimane di fatica gli ultimi passi sembrano quasi interminabili ma, più si avanza, più ci si carica di gioia che esplode in una comune esclamazione: “ce l’abbiamo fatta!”.

Camminare fino alla meta è entusiasmante, così come avere un obiettivo da raggiungere, che sia un luogo, un progetto, un lavoro, un sogno, non solo è stimolante e accresce la fiducia in noi stessi, ma è anche utile alla nostra crescita e alla nostra realizzazione in termini professionali, personali e relazionali.


Conta davvero camminare fino alla meta?

Ora, però, vi chiedo: conta davvero camminare fino a destinazione? Si, conta, ma, a parer mio, non così tanto come prestare attenzione ad ogni passo, ogni singola tappa che permette il suo raggiungimento; credo che il vero successo e la vera soddisfazione stiano nel cogliere quotidianamente, in ogni ostacolo, in ogni opportunità che si presenta sul sentiero un modo per conoscere se stessi, superare i propri limiti, affrontare le difficoltà, mettere in gioco le proprie potenzialità.

Il cammino non è (solo) verso una meta, ma nei momenti e nelle esperienze che lo compongono: sentire il peso dello zaino, che raccoglie quanto ci serve e anche di più, cercare le indicazioni delle frecce, che ci mostrano la direzione da seguire ma che ci invitano anche a pensare ad un’alternativa, utilizzare i cerotti, per curare le ferite, quelle nuove e quelle vecchie, scegliere un bastone, che ci aiuta e ci sostiene quando da soli non ce la facciamo e poi, sicuramente, prendere la conchiglia, che portiamo con noi sin dall’inizio per ricordarci dove stiamo andando e che raccogliamo poi alla fine per testimoniare quanto abbiamo fatto e raccolto.

Qualcuno, a ragione, potrebbe replicare: ” In realtà senza una meta verso cui dirigere la nostra attenzione e la nostra intenzione non ci sarebbe alcun viaggio e alcun cammino da intraprendere“; io, però, risponderei:

forse non è poi così importante dove si sta andando, ma semplicemente andare!” 

Rossella Capetti

Rossella Capetti

"Ciao! Mi chiamo Rossella e sono un’Operatrice Olistica, cioè una persona che può aiutarti a mantenere l’equilibrio tra corpo, mente e spirito, facilitando la tua evoluzione, crescita personale e felicità; utilizzo diverse tecniche (manuali, naturali, artistiche e meditative) per il ben essere e la vitalità, competenze pluridisciplinari e un approccio integrato. Amante dei viaggi, dopo l’esperienza sul cammino di Santiago, ho riscoperto il piacere di andare a piedi e oggi non ne posso più fare a meno! Camminare è la mia principale fonte di ricarica."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il tuo viaggio

Verrai contattato da un nostro consulente esperto, a te dedicato, che realizzerà un preventivo personalizzato per il tuo viaggio a piedi

Quanto conta camminare fino alla meta?

Come Prenotare

Il modo più semplice per prenotare un viaggio sul nostro sito Apiediperilmondo.com è compilare il modulo di contatto presente nella pagina del viaggio desiderato.

Un nostro consulente vi ricontatterà nel più breve tempo possibile.

Un’altro metodo è cliccare sul tasto “Chiama e Prenota” un nostro operatore risponderà dall 09:00 alle 20:00 dal Lunedì al Sabato.

Oppure chiamaci e un nostro consulente sarà felice di aiutarti:

 
 
 

SHARE THE LOVE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su email
Email

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago


cookie

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per finalità tecniche, statistiche e di profilazione.

Facendo clic su “Accettare”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consultare la nostra Cookie Policy

Consigli di viaggio direttamente nella tua email.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento