fbpx

Gli arrivi a Santiago a Luglio 2016

45.483 pellegrini sono arrivati a Santiago nel mese di Luglio. Quasi la metà dei pellegrini sul Cammino Francese ha preferito la partenza da Sarria per gli ultimi 100km.

Tempo di lettura 1′ 45″

Gli arrivi a Santiago a Luglio 2016 sono 45.483, appena qualche centinaio in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un aumento leggero ma costante quindi quello che dall’inizio dell’anno ha coinvolto il Cammino di Santiago nel suo Anno Santo della Misericordia.

Tantissimi gli spagnoli, con quasi il 60 % delle presenze, e molti anche gli italiani, che con 3.307 persone sono gli stranieri più numerosi.  Curioso l’alto numero di messicani, che si aggiudicano ottavi nella classifica dei pellegrini stranieri.

Quasi 28mila persone a luglio hanno scelto di percorrere il Cammino Francese. Su un tragitto lungo più di 800 km quasi 1 pellegrino su 2 ha scelto di partire da Sarria, a conferma della tendenza sempre più forte in questi ultimi anni di compiere solo gli ultimi 100 km del cammino, e ottenere così  la Compostela. Saint Jean Pied  de Port rimane la seconda città di partenza in assoluto, con 4.179, circa 140 pellegrini al giorno. Una carovana quindi che ad ogni grande città, vedi Leon, Burgos o O Cebreiro, rinfoltisce le sue fila, fino ad esplodere da Sarria in poi.

Il Cammino Francese rimane il percorso spagnolo più battuto, con quasi 28mila persone. Molti anche sul Cammino Portoghese, ma ancora irrisorie le partenze da Lisbona. Costante la Via de la Plata, nonostante il caldo torrido, mentre solo in 73 arrivano a Finisterre e Muxia a piedi.

Il Cammino Portoghese coi suoi 8.081 pellegrini, conserva la seconda posizione in termini di affluenza. Aumentate le partenze da Tui, che superano le 3mila. Anche qui a prevalere sono gli ultimi 100km. Tante anche le partenze da Oporto, mentre ancora molto basso il numero di pellegrini da Lisbona, solo 281. E’ sicuramente un dato da valutare la completa assenza di informazioni sul Cammino Portoghese da Lisbona tra i siti spagnoli più importanti. Questi infatti descrivono le tappe solo da Tui, già in territorio spagnolo, o al massimo da Oporto, distante da Santiago 240km su un totale di 635km. Ancora molta anche la disinformazione circa la presenza o meno di alloggi e strutture. Certo, la qualità e la quantità delle accoglienze è minore rispetto al tratto Oporto-Santiago, ma è più che sufficiente per il numero di pellegrini presenti. Inoltre la segnaletica è ben visibile lungo tutto il tratto. In quelle zone del Portogallo sono ancora in pochi a conoscere il Cammino di Santiago, ma il numero sta di anno in anno aumentando.

Uguale al mese di giugno la percentuale di pellegrini sulla Via de la Plata, una presenza che non può che stupire di fronte alla calda estate in cui ci troviamo. E’ vero che sono in molti coloro che hanno a disposizione tanti giorni di ferie solo nei mesi estivi , ma sorprende l’azzardo di affrontare un Cammino con punte di 45 gradi, con poca acqua, lunghe tappe e tanta solitudine. Condizioni che mettono a dura prova non solo il corpo ma ancora di più lo spirito.

E infine stupisce il dato degli arrivi a Finisterre e Muxia. I numeri ci parlano di 73 persone, davvero pochissimi se pensiamo ai 45mila arrivi a Santiago. C’è da chiedersi se ci sia un problema di trasmissione dei dati tra queste località e la Cattedrale composte lana, o se siano così tanti coloro che decidono di raggiungere l’oceano in autobus, risparmiandosi 4 giorni di cammino.

arrivi a Santiago a Luglio 2016

Guarda anche


Cammina verso il tuo miglior 2018

Acquista la tua guida 

GUIDE TERRE DI MEZZO

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend