Camminare, perché lo facciamo?

Un viaggio nella storia dell’essere umano, che da sempre cammina e scopre il mondo viaggiando. Una riflessione sulle origini e le ragioni del camminare.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
camminare

Il mondo è da sempre abitato da camminatori. Uomini che percorrono a piedi piccoli tragitti o grandi distanze, mossi da desideri che vanno al di là della necessità di spostarsi da un luogo all’altro della Terra.

Bruce Chatwin foto dal web

Bruce Chatwin foto dal web

Bruce Chatwin, famoso scrittore e viaggiatore britannico, ci insegna che nella lingua tibetana la parola (a-Go ba), ovvero “essere umano” prende il significato di “viandante”, “chi fa migrazioni”.  E di fatto, il nomadismo è la prima forma di società esistente, legata ai primitivi bisogni di trovare nuovi pascoli per il bestiame e la caccia.

Con la diffusione dell’agricoltura i gruppi umani si sedentarizzano, ma non smettono di viaggiare, semplicemente cominciano a farlo per motivi slegati dal bisogno e dalla necessità di sopravvivenza.

Breve storia del camminare

Le motivazioni che nel corso della storia hanno spinto gli uomini a camminare sono in diverse e spesso rispecchiano le esigenze e le aspirazioni del periodo in cui hanno vissuto.

I filosofi e i pensatori classici camminavano in cerca della verità, del confronto e dello scontro, bramosi di risposte. Lo facevano nelle città, per le strade, nelle piazze, in mezzo alla gente, a volte improvvisandosi mendicanti, a piedi scalzi, con una pezza di stoffa sulle spalle e una bisaccia semivuota. Un cammino a tratti impaziente, a tratti riflessivo, di chi voleva entrare in contatto con la realtà in tutta la sua forza, di chi desiderava scrutare, analizzare e interrogare.

Curiosi ed esploratori desiderosi di conoscere culture e modi di pensare differenti, scoprivano terre lontane e luoghi selvaggi. Esploravano nuove mete, si informavano, leggevano, macinavano chilometri con un continuo desiderio di stupore e di avventura.

Artisti, scrittori e musicisti viaggiavano invece per stimolare l’immaginazione, trovare la musa ispiratrice, comporre, creare, trasformare parole, forme e colori. Un esercizio quotidiano, necessario per la mente e per i sensi, da fare soli, immersi completamente nella natura, o in compagnia di amici e sconosciuti. Il camminare diventava un’esperienza educativa di grande valore, un sentimento tradotto egregiamente in parole da Jean-Jacques Rousseau.

“Non ho mai tanto pensato, tanto vissuto, non sono mai tanto esistito, stato tanto me stesso, se così oso dire, quanto in quelli (i viaggi) che ho compiuto solo e a piedi”.

Il senso del camminare oggi

camminare

Dal momento in cui camminare perde definitivamente la sua valenza di mezzo con cui spostarsi alla ricerca di qualcosa, inizia ad essere accostato ad una dimensione diversa, meno materiale e più di ricerca interiore.

Si recupera e valorizza il rapporto con la natura ed il viaggio a piedi diventa un possibile veicolo tramite il quale riuscire ad evadere dalla quotidianità per ritrovare una spiritualità nuova, separata dall’elemento religioso.

Chi cammina conosce la libertà, può andare dove vuole, può dimenticare gli impegni, fuggire dalle costrizioni del lavoro, ma anche trasgredire, per rompere definitivamente con un sistema che non sente suo, fino a sperimentare la rinuncia di tutto.

Chi cammina cura la sofferenza e i dolori, o coltiva il silenzio e la solitudine, lontano dai rumori delle città, dai chiacchiericci e dalle notizie, ma anche dal brusio interiore con il quale giudichiamo noi stessi e gli altri.

Chi cammina sente il bisogno di rallentare, per scardinare la convinzione che la velocità aiuti a guadagnare tempo, quando invece è vivendo con lentezza che le giornate sembrano più lunghe, fanno vivere di più, in ogni secondo.

C’è poi chi cammina per affermare i propri diritti, come Gandhi o Martin Luter King, per promuovere un ideale di indipendenza, prestare fede alla parola data, con l’esperienza della fatica e della resistenza.

 

camminare

Nel camminare si ricerca ovviamente il benessere e la felicità: quello degli incontri, del sole sulla pelle, del profumo del mare, di vivere e godere a pieno della propria presenza.

Siamo camminatori dalla nascita. Ed il cammino è talmente importante in tutti i secoli e tutte le tradizioni che la sua metafora è fortemente radicata nel nostro immaginario: la vita in fondo è un viaggio, verso una meta, in cui ogni passo è una ricerca e una scoperta del mondo e di se stessi.

Rossella Capetti
Rossella Capetti

Writers APIEDIPERILMONDO - Mi chiamo Rossella e, forse non a caso, il rosso è il mio colore preferito, per me rappresenta la passione e l’amore per la vita. Mi piacciono moltissimo anche gli spazi verdi, quelli della natura, dove spesso mi rifugio per rigenerarmi. In realtà, durante il giorno mi lascio avvolgere da tutte le sfumature poiché c’è sempre qualcosa che attira la mia curiosità! Uso la creatività per dare forma alle mie idee, ma ciò che guida i miei passi è principalmente un forte desiderio di spiritualità.Sono sul Cammino della mia auto-realizzazione dal 1980, pesci ascendente scorpione, costantemente immersa nelle acque delle emozioni e delle sensazioni.
Lavoro da diversi anni come consulente nell’ambito della comunicazione, ma oggi sono principalmente impegnata in attività e progetti di crescita personale come Life Coach e Operatrice Olistica.
Amante dei viaggi, dopo l’esperienza sul cammino di Santiago, ho riscoperto il piacere di andare a piedi e oggi non ne posso più fare a meno! Camminare è la mia principale fonte di benessere.

Il mio Blog
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Instagram