fbpx

camminare-nella-natura

Camminare nella natura per ritrovare se stessi

Camminare nella natura è un atto curativo, un potente mezzo per entrare in connessione con la parte più intima e profonda di noi stessi

Camminare è di per sé un atto curativo. Camminare nella natura lo è ancora di più.

Passo dopo passo possiamo entrare in contatto con il nostro microcosmo interiore, che riflette ciò che esiste e accade all’esterno.

Mentre ammiriamo la bellezza dei paesaggi, i colori delle albe e dei tramonti, la linea degli orizzonti, la maestosità delle vette e l’infinito delle praterie, scopriamo che la stessa armonia risiede anche dentro di noi. Per comprendere quanto sia reale e potente questa connessione dobbiamo esercitarci nel portare l’attenzione sulle nostre percezioni.

Camminare tra cielo e terra

a-piedi-nudi

Nel nostro camminare nella natura, concentrarsi sui piedi che poggiano sul terreno è un buon punto di partenza per allenarsi all’ascolto.

Nel nostro peregrinare su prati e colline, tra boschi e vallate, è proprio il suolo il primo elemento che dobbiamo tenere in considerazione poiché è quello che ci sostiene, ci dà stabilità e sicurezza, permettendoci di avanzare.

Attraverso questo collegamento ci mettiamo in relazione con la Madre Terra, fertile e generatrice, dalla quale riceviamo la protezione e il nutrimento necessari per irrobustire le nostre radici e, di conseguenza, sentirci più saldi.

Così, forti e radicati, procediamo nel nostro cammino scoprendo che possiamo davvero contare sulle nostre gambe, avere fiducia in noi stessi e, se necessario, ricominciare, anche dopo un periodo negativo, con la stessa pazienza e costanza di chi sa che ad ogni inverno segue sempre la primavera.

Mossi da questa consapevolezza, il nostro sguardo può alzarsi a scrutare il cielo e tutte le sue opportunità, e le nostre braccia possono aprirsi e accogliere l’energia del sole. Grazie alla sua luce e al suo calore ci carichiamo di entusiasmo, l’istinto creativo si accende di passione, coraggio e determinazione, tutto appare realizzabile.

Fervore e vitalità risuonano dentro di noi e ci ricordano che il nostro astro interno non vede l’ora di risplendere. L’impulso del fuoco ci spinge all’azione e al movimento, stimola il desiderio di farcela, di essere protagonisti di qualcosa di entusiasmante.

Camminare trasportati da venti e maree

maree

E se il sole risveglia la nostra allegria e ci fa godere del presente, il vento ci porta lontano, verso qualcosa di sconosciuto. 

Influenzato da tutto ciò che tocca, il vento trasporta, solleva e mette in comunicazione mondi distanti tra loro. Mentre muove le foglie degli alberi, gioca con le nuvole, accompagna le rondini in migrazione, l’aria effervescente stuzzica l’immaginazione e l’ispirazione, ci apre a nuove prospettive, ci fa sentire la leggerezza delle cose, ci ricorda che siamo liberi di scegliere e cambiare strada.

Al contempo, attraverso il respiro, scandisce il ritmo del nostro passo e, di conseguenza, del nostro incedere nel mondo: siamo veloci o lenti? affaticati o rilassati? rigidi o elastici? E se ci fermassimo un attimo?

Camminando nella natura, qualunque sia il nostro tempo, è impossibile non essere sollecitati dai sensi. Colori, luci, soffi e pensieri ci avvolgono insieme a profumi e rumori di ogni genere, come quelli del mare, ad esempio, o delle cascate.

Ecco che incontriamo l’acqua, elemento costituente del nostro essere ed energia in costante movimento.

Seguendo il suo flusso riscopriamo la nostra capacità di adattamento, di aggirare gli ostacoli e di procedere inesorabilmente, dalla sorgente fino alla foce, in un continuo processo di trasformazione, a volte calmo e impercettibile, altre turbolento e precipitoso.

Nelle sue profondità ritroviamo le nostre emozioni, che scorrono inafferrabili e indefinibili, risalendo in modo imprevedibile la superficie e scomparendo poi di nuovo sotto terra, ciclicamente.

E se al termine o nel mezzo del nostro camminare decidiamo di riposare, contemplando, in silenzio, una notte stellata, immediatamente portiamo beneficio al nostro spirito, plachiamo la mente, ci abbandoniamo alla meditazione o semplicemente lasciamo che tutto ciò che deve accadere accada, immersi nel profondo blu dell’universo.

camminare nella natura

Viaggiando a piedi abbiamo la possibilità di entrare in contatto con tutte le armoniose forme della natura e ritrovare così dentro di noi lo stesso magico equilibrio.

Leggi gli altri articoli nella rubrica parliamo di Camminare

[easy-social-like facebook=”true” facebook_url=”http://www.facebook.com/apiediperilmondo” twitter_follow=”true” twitter_follow_user=”apiedixilmondo” google=”true” google_url=”https://plus.google.com/u/0/104169773733250620203″ pinterest_pin=”true” skin=”metro” counters=0 align=”center”]

  • Camminare Rossella Capetti

    Mi chiamo Rossella e, forse non a caso, il rosso è il mio colore preferito, per me rappresenta la passione e l’amore per la vita. Mi piacciono moltissimo anche gli spazi verdi, quelli della natura, dove spesso mi rifugio per rigenerarmi. In realtà, durante il giorno mi lascio avvolgere da tutte le sfumature poiché c’è sempre qualcosa che attira la mia curiosità! Uso la creatività per dare forma alle mie idee, ma ciò che guida i miei passi è principalmente un forte desiderio di spiritualità. Leggi
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI RECENTI

Facebook

Instagram

Stai cercando un viaggio a piedi?

Scopri come possiamo aiutarti