Riflessologia in cammino: una tecnica, molti benefici

Tecnica antichissima, oggi indiscussa terapia di benessere, la riflessologia plantare si basa sul riequilibrare le energie del nostro corpo attraversa il massaggio e la pressione su alcuni punti del piede. La riflessologia in cammino diventa così uno straordinario strumento di benessere.

La riflessologia plantare è una pratica antichissima che si basa sul massaggio e la stimolazione dei piedi. Nata in maniera spontanea attorno al 3000 a.C., è stata nel tempo approfondita e studiata fino ad arrivare, nei primi anni del Novecento, ad essere sperimentata e teorizzata come vera e propria terapia del benessere.
Grazie ad una particolare tecnica di digitopressione, che sfrutta il movimento del pollice, è possibile riequilibrare l’energia all’interno del nostro corpo, inviando importanti input a organi e apparati e promuovendone l’autoguarigione. Secondo le ricerche effettuate, infatti, sulla pianta del piede e in alcune zone del dorso, è stata individuata una sorta di mappa che indica quali punti trattare in base al sintomo o problema manifesto. In particolare, gli organi centrali, come colonna vertebrale e stomaco, si riflettono metà su un piede e metà sull’altro; quelli di destra (fegato, cistifellea, colon ascendente, appendice) sul piede corrispondente e così anche quelli di sinistra (cuore, colon discendente, intestino retto e milza); gli organi doppi, come ad esempio i polmoni e i reni, sono su entrambi i lati; le cinque dita rispecchiano il viso e la testa.
[amazon_link asins='B00T7W2Y7Y,8893190109,B073RY41FX' template='ProductCarousel' store='apiediperilmondo-21' marketplace='IT' link_id='c9ed5c28-5299-11e8-aa03-e1011b2dc72e']

I benefici della riflessologia in cammino

La riflessologia plantare può essere molto utile quando si è in cammino proprio perché porta sollievo ad una parte fondamentale del corpo che viene continuamente sollecitata e che, allo stesso tempo, può dare indicazione rispetto a qualche eventuale squilibrio in altre zone.

I principali benefici che si possono ottenere sono:

  • Rilassamento: chi non desidera alleggerire i piedi stanchi e sciogliere le tensioni dopo aver macinato chilometri? Un leggero massaggio è l’ideale per stimolare la produzione di endorfine e abbandonarsi serenamente al riposo.
  • Miglioramento della circolazione linfatica e sanguigna: favorire il fluire dei liquidi e l’ossigenazione è fondamentale per smaltire l’acido lattico ed essere pronti e scattanti per la tappa successiva
  • Attenuazione dei dolori: grazie ai recettori presenti sul piede, direttamente collegati al sistema nervoso, mal di testa, schiena o collo, problemi gastro-intestinali, ansia e morsa allo stomaco possono trovare un po’ di pace 
  • Depurarazione: agendo sugli organi emuntori, ovvero quelli deputati all’eliminazione delle tossine, è possibile evitare un eccessivo accumulo di sostanze nocive

Il massaggio nella riflessologia plantare

Anche se spesso non prestiamo attenzione ai nostri piedi, prendersene cura è davvero fondamentale, visto l’importante funzione di sostegno che hanno per l’intero corpo, soprattutto dopo un’intensa attività fisica. Ecco quindi che la riflessologia in cammino può venirci in soccorso!

È buona cosa per chiunque dedicare un po’ di tempo al massaggio di questa parte, sia auto trattandosi sia con l’aiuto del partner o di un amico. Un impegno di 15 minuti può essere sufficiente per donare un po’ di benessere, senza provocare danni, anche per mani non esperte. Le uniche avvertenze sono per chi ha la febbre o infiammazioni in stato acuto, micosi, gravidanza oppure in caso di gravi patologie, malattie mentali, degenerative o si è a rischio trombi ed emboli.

Per un effetto rilassante, dopo aver scaldato il piede con un leggero strofinamento, è consigliabile  iniziare dalla zona laterale interna e spostarsi fino all’alluce con un movimento del pollice a “lombrico”, avanti e indietro, o delle pressioni, per sciogliere le tensioni di colonna vertebrale e testa.

Successivamente o in alternativa è possibile poi concentrarsi sulle altre dita, in particolare su melluce e trillice, per alleggerire la pesantezza degli occhi, sul tallone, dall’esterno verso l’interno in diagonale, per migliorare la condizione degli arti inferiori o nelle zone interne dove sono presenti i vari organi.

I piedi sono altamente sensibili: su ognuno di essi sono presenti 7.200 terminali nervosi; è importante, quindi, iniziare con un tocco delicato e aumentare progressivamente la pressione in base alle reazioni e sensazioni o di chi si sta massaggiando.

Rossella Capetti
Rossella Capetti

Operatrice Olistica - Life Coach - Writer
Lavoro da diversi anni come consulente nell’ambito della comunicazione, ma oggi sono principalmente impegnata in attività e progetti di crescita personale e felicità; utilizzo diverse tecniche (manuali, naturali, artistiche e meditative) per il ben essere e la vitalità.

Potrebbe interessarti anche

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram

Via G.Galilei 154, 21040 Uboldo (Va)

Mail: [email protected]

© Copyright 2018 – All right reserved – Apiediperilmondo Il portale dei viaggi a piedi

Pronto a partire?

Scegli il tuo
viaggio a piedi

Partenze individuali e di gruppo

in Italia e nel mondo

Pronto a partire?

Scegli il tuo
viaggio a piedi

Partenze individuali e di gruppo

in Italia e nel mondo