Il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port

Intraprendere il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port significa avventurarsi, per 800km, in una delle esperienze più belle e intense della propria vita

Saint Jean Pied de Port è la partenza ufficiale del Cammino di Santiago o Cammino Francese.

Ci troviamo in un piccolo paesino sui Pirenei francesi, in corrispondenza della Bassa Navarra o Département Pyrénées-Atlantiques. Da qui, nel corso del 2016, hanno iniziato il loro cammino esattamente 33.656 persone, cioè quasi il 20% di tutte le presenze sul Cammino Francese.

Per saperne TUTTO sul Cammino di Santiago leggi l’articolo dedicato. Cos’è, come funziona, difficoltà, segnaletica, lingua, equipaggiamento, guide da acquistare, sono solo alcuni degli argomenti che troverai.

Sebbene ognuno possa decidere di partire per il proprio Cammino da dove desidera, anche dalla porta di casa se gli va, la partenza da SJPDP continua a rappresentare per molti l’autentica esperienza del Cammino. Dopotutto, più strada si fa più ci si dona del tempo per pensare, riflettere, meditare; si entra in profondità nello spirito del cammino e ci si arricchisce di giorni e ricordi di vita vera. Partire da qua regala qualcosa di unico e di estremamente forte.

In questo articolo è descritto il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port a Pamplona

➜ Vai all’articolo successivo per leggere il Cammino di Santiago da Pamplona a Burgos.

Le 3 tappe da Saint Jean Pied de Port a Pamplona

Per te che inizi il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port devi sapere che fino a Pamplona dovrai coprire una distanza di circa 67km, tranquillamente percorribili in 3 giorni di cammino.

In generale, questo primo tratto del Cammino Francese si presenta molto bello e variegato. Oltre il confine francese si comincia ad entrare negli antichi boschi navarresi, pieni di ruscelli e rivoli d’acqua. Qui la vegetazione cresce rigogliosa, e i tanti sentieri di terra che attraversiamo possono, nel periodo invernale o perlomeno con giornate piovose, rivelarsi fangosi e un pò difficoltosi.

Le tappe canoniche sono:

  1. Saint Jean Pied de Port – Roncisvalle  |  25 km
  2. Roncisvalle – Zubiri  |  21km
  3. Zubiri – Pamplona    |  21km

Il primo giorno sul Cammino è una di quelle prime volte che rimarranno impresse nella tua mente per sempre. Ecco perché ho deciso di dedicargli, qui sotto, un capitolo a parte e di dargli il risalto e l’importanza che merita. Naturalmente non farò così per tutte le tappe, altrimenti farei prima a scriverci un libro, no?!

Quello che farò, in questo articolo e nei prossimi, è descrivere tratti del Cammino, ovvero gruppi di tappe, in modo preciso e conciso. Non ti dirò quanti fili d’erba ci sono nel prato, ma mi concentrerò sulle cose importanti, perché tu possa farti un’idea chiara e completa di quello che ti aspetta.

Difficoltà sul Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port a Pamplona

É vero, questo breve tratto di cammino conta appena 3 tappe, ma nasconde comunque delle difficoltà. Le maggiori sono:

  • Il fatto stesso che è la prima tappa del Cammino! Si sa, la prima volta che si affronta qualcosa è sempre un salto nel buio, siamo nervosi, eccitati, pronti per andare ma timorosi di farlo. Alla tensione a cui siamo sottoposti si aggiunge, qui sul Cammino Francese, una prima tappa davvero tosta, che bisogna saper affrontare con calma e intelligenza.
  • Il dislivello della prima tappa è quindi il fattore che più di tutto può mettere in difficoltà i meno esperti. Si tratta di un dislivello totale di quasi 1800 metri, 1270m in salita e 500m in discesa, lungo una distanza di appena 25km. A meno che tu non sia una persona molto allenata, che va in montagna tutte le domeniche e che è abituata a simili dislivelli, il mio consiglio è quello di partire piano, fermarsi spesso e seguire sempre il proprio passo.
  • Il clima invernale, rigido e con elevato rischio neve, rende molto difficoltoso il passaggio di pellegrini al di là dei Pirenei. Se non sei avvezzo a camminare in montagna con la neve, e se è la tua prima volta sul Cammino, il mio consiglio è quello di saltare il tratto Saint Jean Pied de Port e partire direttamente da Pamplona.

Queste sono le difficoltà più tecniche ed evidenti che riguardano il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port. Se però vogliamo includere nella lista anche quelle legate alla propria persona, è ovvio che in quanto esperienza unica nella vita, il Cammino mette a dura prova ogni lato di noi stessi. Affrontare con serenità e i giusti strumenti questa avventura non è semplice.

➜ Per aiutarti abbiamo fatto una lista coi nostri “10 Consigli per affrontare al meglio il tuo cammino”. Saprà darti i giusti spunti per reagire positivamente a questa inedita esperienza.

Clima, piogge e temperature a Saint Jean Pied de Port

Chi parte per il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port deve innanzitutto capire che qui, il tempo, può cambiare da un momento all’altro, ritrovandosi magari circondati da una fitta nebbia dopo che si era camminato sotto il sole cocente per ore. Quindi, ricordati di rispettare sempre la montagna, di averne un reverenziale timore e di non sottovalutarne mai le insidie.

Tanti in questi anni hanno sfidato le cattive condizioni meteo, mettendo a rischio se stessi e la vita di chi poi doveva andarli a salvare. Il rischio peggiore non sta tanto nella neve sul sentiero, quanto nella nebbia, che togliendoti ogni riferimento ti fa sviare dal sentiero: immaginati perso, in un ambiente che non conosci, e con la notte che cala veloce, una situazione in cui è meglio non trovarsi, non credi?!

É proprio per evitare che accadessero questo genere di cose che, nel 2015, le autorità hanno deciso di chiudere il Passo di Lepoeder nei mesi a forte rischio neve e maltempo. I Pirenei sono un luogo dall’inverno decisamente insidioso e pericoloso. Le temperature possono scendere al di sotto dello zero, e le precipitazioni possono risultare abbondanti, soprattutto nel mese di Dicembre.

In estate invece la probabilità di piogge è smorzata dalle miti temperature, con massime di 25° a Luglio e Agosto. Insomma, l’inverno non è di certo il periodo migliore per affrontare SJPDP e i Pirenei, anche se ammetto che può rivelarsi un’esperienza altrettanto intensa, anche se più dura, naturalmente limitandosi a percorrere la Via Bassa.

Se quindi mi chiedi quale sia il periodo migliore per fare il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port ti dico certamente primavera e inizio autunno. In ogni caso ti consiglio caldamente di tenere comunque sempre a portata di mano una resistente mantella anti-pioggia.

Da Saint Jean Pied de Port meglio Via alta o Via bassa?

Da Saint Jean Pied de Port è possibile raggiungere Roncisvalle utilizzando due diversi itinerari, chiamati Via Bassa e Via Alta per la diversa altitudine che raggiungono.

  • La Via Bassa è sostanzialmente la Via del fondovalle, anche chiamata variante dell’Alto de Ibañeta, più semplice e meno dura della Via Alta. Alternando sentieri di montagna a molti chilometri di strade asfaltate, essa oltrepassa la frontiera all’altezza di Las Ventas, raggiungendo la località di Valcarlos e quindi il paese di Roncisvalle dal Puerto de Ibañeta.
  • La Via Alta, o Route Napoléon, raggiunge invece il passo di Lepoeder a quota 1432m, sottoponendo il pellegrino, nel suo primo giorni di cammino, a una fatica considerevole: 1270m di salita in 20km, e quasi 500m di ripida discesa in appena 5km. Quel che è certo è che lo spettacolo e l’emozione della salita ripagano, con gli interessi, di tutti gli sforzi.

Se nei mesi primaverili ed estivi puoi scegliere quale di queste due vie percorrere, in inverno sei costretto a optare per la Via Bassa: dal 1 Novembre al 31 Marzo viene infatti chiuso il passo di Lepoeder a causa delle pessime condizioni climatiche e ambientali della zona, che rendono troppo rischioso il transito di persone.

Dove dormire sul cammino di santiago da Saint Jean Pied de Port

Partiamo innanzitutto da Saint Jean Pied de Port. Se pensi che l’anno scorso oltre 30 Mila persone sono partite da lì, ti renderai conto di quanto il Cammino rappresenti una risorsa economica importante per questo piccolo paese.

Proprio per questo motivo sono tantissime le strutture di accoglienza per la notte: albergue per pellegrini, ostelli, camere, hotel, B&B, pensioni, insomma, qualsiasi soluzione tu stia cercando, qui la trovi. Prenotare non è necessario, anzi, cercarsi lì un posto per la notte è un’ottima occasione per prendere subito dimestichezza col Cammino. Naturalmente nei mesi di luglio e agosto è più difficoltoso trovare da dormire, ma non temere, un tetto sopra la testa lo si trova sempre!

La prima tappa è Saint Jean Pied de Port – Roncisvalle, e non ci sono accoglienze intermedie. L’unica soluzione per dividere la tappa è quella di fermarsi, dopo 7km dalla partenza, a Cabanne D’Orisson, presso l’omonimo albergue privato.

Roncisvalle è un fine tappa che devi assolutamente fare. Il grandissimo albergue per pellegrini, ancora presente nell’antico hospital del XVI secolo, è oggi molto moderno e confortevole e dotato di tutti i servizi.

Da Roncisvalle in poi trovi albergue e strutture private ogni 5-10km. Non devi quindi obbligatoriamente seguire le tappe che ti ho precedentemente indicato, ma puoi spaziare a seconda delle tue necessità.

Per una lista gratuita e aggiornata delle accoglienze, ti rimando a questo sito spagnolo .. Basterà cliccare sulla tappa desiderata, e poi su ciascuna delle strutture presenti: potrai così vedere il numero di posti, il prezzo, i contatti, e i servizi che offre al pellegrino.

Attento! Gli albergue sul Cammino non sempre sono aperti tutto l’anno. Molti sono chiusi nei mesi invernali, quindi, se fai il Cammino di Santiago da Novembre ad Aprile, ti consiglio di controllare quali albergue sono aperti prima di partire. Questo ti permetterà di organizzare meglio il Cammino e di non avere brutte sorprese.

Il tuo primo giorno sul Cammino di Santiago, per un concentrato di emozioni

I primi chilometri in Francia sono un’infinta distesa d’erba verde e pascoli. Saint Jean Pied de Port colpisce col suo rinomato centro cittadino, e il torrente che vi passa attraverso dà decisamente un tocco di fascino in più. Sembra di trovarsi in uno di quei paesaggi idilliaci, quasi bucolici.

Intorno le montagne non sembrano poi così alte. Forse, è la dolcezza delle loro curve a farcene sottovalutare le altezze e soprattutto le insidie. In più, tutte quelle persone che come te il giorno dopo partiranno, danno una carica mai vista prima e la consapevolezza che, coi giusti tempi e non dimenticando mai di ascoltare se stessi, ce la si può assolutamente fare!

Il cammino comincia in salita, una lenta, dolce, perenne salita. Camminiamo sull’asfalto per qualche chilometro, finché la strada non lascia il posto a un sentiero su terra ed erba. Le bici cominciano a fare più fatica, e nei tratti più ripidi, vediamo ciclisti smontare dal sellino e spingere le due ruote su in cima. I paesaggi sono completamente dominati dal manto verde che ricopre tutte le montagne intorno, e dal blu, intenso, del cielo. Gli animali al pascolo fanno compagnia ai nostri passi, mentre sopra le nostre teste volano, solitari, bellissimi falchi.

Nel bel mezzo della prima tappa una stele di pietra ci avvisa che stiamo oltrepassando il confine ed entrando in Spagna, nella regione della Navarra.

Da qui in poi il paesaggio cambia, i boschi si sostituiscono ai lisci prati verdi francesi, e le case, da baite di montagna, si fanno costruzioni più rurali. Si giunge così, circondati da un fitto bosco, proprio davanti alla magnifica Collegiata di Roncisvalle, a fianco della quale troviamo ancora oggi, dopo secoli, un accogliente albergue per pellegrini.

Si prende posto in una delle cuccette, ci si fa una doccia, si lavano i vestiti sporchi usati durante la giornata, si fanno due chiacchiere con qualche nuovo amico, due righe sul proprio diario di viaggio, un giro per il paese e magari, per chi è cristiano, una preghiera e una benedizione alla messa del pellegrino.

La stanchezza comincia a farsi sentire.

Il giorno dopo si riparte, per un’altra fantastica avventura.

Saint Jean Pied de Port, Roncisvalle e Zubiri: ecco cosa vedere lungo le prime tappe del Cammino di Santiago

Percorrere il Cammino di Santiago da Saint Jean Pied de Port è un’esperienza davvero ricca di emozioni, che ti permette di immergerti e scoprire la storia di popoli e terre. Non basterebbe un’enciclopedia per descriverne la ricchezza e restituirne la complessità. Ecco quindi che ho voluto dare giusto un accenno dei luoghi che attraverserai, lasciando la descrizione un pò più dettagliata a un’articolo dedicato.

➜ Per approfondimenti sui luoghi qui sotto clicca sul link in uscita o leggi direttamente l’articolo completo “Cose da vedere sul Cammino di Santiago”.

Partiamo innanzitutto dalla bella Saint Jean Pied de Port. Da sempre legata al Cammino di Santiago come la vicina Roncisvalle, condivide con questa un passato comune risalente al medioevo, tramutatosi nel presente in una comune appartenenza alla cultura e alla comunità basca. Non è un caso che abbiano impresso, sulla loro bandiera, il medesimo soggetto, le catene simbolo di vittoria del Re di Navarra sul califfo Miramamolín nella guerra di Reconquista cristiana, nell’anno 1212. A Roncisvalle potrai vedere quelle catene dal vivo, conservate nella bellissima Collegiata.

Ma non c’è solo Medioevo nella loro storia. La Via Bassa per esempio è strettamente legata a un avvenimento successo nel 778, e aventi come protagonisti i leggendari Carlo Magno e Roland. E ancora Napoleone, nel 1808, che dà il nome alla odierna Via Alta. Insomma, tanta, tantissima storia, mescolata quasi sempre da una forte vena di mistero e leggenda.

Pensiamo per esempio a Zubiri e al suo Ponte della Rabbia, così chiamato perché si pensava potesse curare dalla rabbia gli animali che vi girassero intorno tre volte. Il motivo è da ricercare in una leggenda, curioso?

Come raggiungere Saint Jean Pied de Port

Raggiungere Saint Jean Pied de Port non è facile. Trattandosi di un piccolo paesino sui Pirenei francesi, è collegato con le città vicine tramite treno e autobus. Per chi viene da lontano, come per esempio un italiano, bisogna trovare delle soluzioni diciamo “combinate” che uniscono aereo, treno e quattro ruote.

➜ Proprio per renderti il tutto più semplice ho scritto un articolo dedicato dal titolo “Come raggiungere Saint Jean Pied de Port”, completo di una bella infografica con tutti gli aeroporti e i prezzi approssimativi per tratta. 

Dove ritirare la credenziale a Saint Jean Pied de Port

Come punto di partenza ufficiale per il Cammino di Santiago, SJPDP ha un efficientissimo ufficio del pellegrino, proprio nel cuore del suo centro storico ( Rue de la Citadelle, 55). Qui potrai acquistare la credenziale ufficiale del Cammino al costo di 2€.

➜ Per saperne di più sulla credenziale leggi l’articolo dedicato “ Credenziale, compostela e tutti gli attestati di pellegrinaggio”.

  •  Deborah Torreggiani

    Ciao sono Deborah Torreggiani Travel Blogger, Editor e Co – Founder di Apiediperilmondo.com. La nostra missione è racchiudere in un solo portale tutte le informazioni sui viaggi a piedi, attraverso le nostre esperienze e il nostro lavoro.  Creo dei testi chiari e ricchi di informazioni per aiutarti a trovare tutto ciò che cerchi.
2 commenti
  1. Alessia
    Alessia dice:

    Ciao Deborah, grazie per questo articolo, tra 2 settimane avrà inizio il mio viaggio e cercavo consigli proprio per l’organizzazione durante il primo tratto.
    Preferisco informarmi sul web tramite l’esperienza di viaggiatori come me che affidarmi ad una fredda guida per turisti.

    Rispondi
    • Deborah Torreggiani
      Deborah Torreggiani dice:

      Ciao Alessia, grazie a te per averlo letto, sono felice ti sia stato utile in preparazione del tuo Cammino di Santiago.

      Ti auguro quindi un Buen Camino e un grosso in bocca al lupo.

      Deborah – Editor & CO-Founder Apiediperilmondo.com

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCEGLI

IL TUO

VIAGGIO 

CHIUDI

PROSSIMO

VOGLIA DI PARTIRE??

Send this to a friend