Assicurazione Annullamento Incluso e Rimborso in caso di viaggio Cancellato
📲 Chiama Ora e Prenota 
+39 391 75 13 937

Favicon.apiediperilmondo
Viaggio individuale

Cammino
dei Briganti

Richiedi il programma e Prenota

90 km

di Cammino

6

Tappe

8

Giorni

7

Notti

Ideati per chi, come te, ama viaggiare da solo o in compagnia dei propri amici e avere un supporto organizzativo in ogni fase del viaggio, i nostri viaggi a piedi in Italia sul Cammino dei Briganti  vogliono darti la possibilità di vivere questa esperienza in tutta sicurezza e tranquillità.

Da

605 €

a persona

0
0/5
Informazione sul viaggio
Informazione importanti
Formula viaggio

COMFORT

Dormire in Hotel

Il Cammino dei Briganti è un percorso relativamente nuovo, che sta avendo da alcuni anni un grande seguito, merito soprattutto dei paesaggi e della voglia di scoprire luoghi ancora “vergini” e lontani dal turismo di massa. É inoltre ben segnalato e con strutture ricettive in ogni fine tappa. 

Il Cammino dei Briganti è un percorso ad anello lungo circa 80km (90km se si considera la variante al Lago della Duchessa) e fattibile in una settimana di viaggio.  

Si sviluppa al confine tra le regioni italiane di Abruzzo e Lazio, rispettivamente nelle aree della Marsica e del Cicolano. Si tratta di un territorio montagnoso, boschivo, rurale, ancora molto legato alla pastorizia e all’allevamento, con pochi centri urbani di piccole dimensioni. 

Camminando tra gli 800m e i 1300m di altitudine, si consiglia di percorrere il Cammino dei Briganti dalla primavera inoltrata al primo autunno. Nel periodo invernale infatti, tra neve e basse temperature è accessibile a persone molto allenate ed esperte di montagna!

Il nome “Cammino dei Briganti“ si rifà alla storia del brigantaggio di queste terre, e in particolare a quella della Banda di Cartore, che agì proprio lì al confine tra Abruzzo e Lazio, nel periodo in cui il Regno delle due Sicilie veniva conquistato dai Sabaudi, anno 1860. Lo Stato Pontificio, conscio che il prossimo regno a cadere poteva essere il suo, diede ai briganti sostegno, rifugio e appoggio. 

Il loro obiettivo era quello di indebolire e rallentare l’avanzata Sabauda, così da ripristinare il regno di Francesco II di Borbone. La loro forza stava nella conoscenza di un territorio impervio e poco accessibile, perfetto per nascondersi e girare indisturbati. 

Giorno 1

Arrivo in autonomia a Santo Stefano. 


Giorno 2

Tappa 1 – da Santo Stefano a Nesce 14km  +400m  – 625m

Questo Cammino dei Briganti parte con una delle tappe più belle di tutto il tragitto, dalla località di Santo Stefano a quella di Nesce.

Si cammina per lo più all’ombra dei boschi, col vantaggio di godere, qua e là, di alcuni paesaggi incredibili su tutto il territorio circostante. 


Giorno 3

Tappa 2 – da Nesce a Cartore

16,5km  +440m  -330m

Tappa abbastanza semplice, sia per la lunghezza che per i dislivelli. L’unica difficoltà si ha in estate a causa dell’ampia esposizione al sole.

I paesaggi rimangono molto belli, così come la piccola località di Cartore, dove trascorriamo la notte. 


Giorno 4

Tappa 3 – Anello di Cartore e Lago della Duchessa 12km  +880m  – 890m

Questo quarto giorno di viaggio lo dedichiamo all’anello di Cartore per il Lago della Duchessa.

É possibile seguire due sentieri: il sentiero 2C, di difficoltà escursionistica, e il sentiero 2B per escursionisti esperti.

I panorami sono a dir poco stupendi!! La vegetazione si fa via via meno fitta fino ad arrivare nei pressi del lago, dove la vista si apre a 360°. 


Giorno 5

Tappa 4 – da Cartore a Scurcola Marsicana 19km  + 250m  – 410m

Possiamo dividere la tappa in due parti: la prima, di 8km, fino a Rosciolo dei Marsi, è davvero di grande bellezza paesaggistica e permette di vedere la millenaria chiesa di Santa Maria in Porclaneta; la seconda, di 11km fino a Scurcola Marsicana ( un paese dotato di molti servizi) risulta molto semplice e consente di arrivare a fine tappa non troppo stanchi.


Giorno 6

Tappa 5 – da Scurcola Marsicana a Poggetello  20,5km  +830m  -760m

Questa quinta tappa, coi suoi 20km, è la più lunga di tutto il Cammino dei Briganti.

Si sviluppa quasi interamente  in aperta montagna, con vedute panoramiche davvero eccezionali.

Dopo San Donato si possono anche ammirare i ruderi di un antico castello. Si rientra quindi tra i boschi fino a Poggetello, dove si trascorre la notte. 


Giorno 7

Tappa 6 – da Poggetello a Santo Stefano 9km  +470m  – 180m

Ultima tappa di questo Cammino dei Briganti! Tappa obbligata a Sante Marie (5km da Poggetello), dove mostrando il Salvacondotto coi timbri è possibile ritirare il Salvacondotto.

Interessante anche il Museo del brigantaggio, sito sempre a Sante Marie.

Si rientra quindi a Santo Stefano, dove si trascorre l’ultima notte sul Cammino dei Briganti.


Giorno 8

Rientro a casa in autonomia

Ti potrebbe piacere anche...