EnglishItalianSpanish

Prenota Online: fatti aiutare da un nostro consulente. Chiama al +39 391 75 13 937

Sentiero sul Monte Resegone – da Brumano al rifugio Azzoni

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Un meraviglioso percorso da Brumano al Rifugio Azzoni, proprio al confine tra Lecco e Bergamo
Resegone
Il Resegone, anche chiamato Monte Serrada, svetta coi suoi 1.846m tra Bergamo e Lecco, nel cuore delle prealpi lombarde. Citato più volte anche dal Manzoni nel celebre I promessi sposi, si distingue per la sua particolare forma, con nove punte a fargli da corona. Ed è proprio la sua somiglianza a una grande sega a procurargli il nome Resegone, dal dialetto lombardo “resegon”. Il percorso inizia dal piccolo paesino di Brumano ( 881m), sulle montagne bergamasche. Un sentiero lungo 5 km guida alla vetta del Monte Resegone, in particolare al Rifugio Azzoni, dove una grande croce di ferro ne segna il punto più alto

Segnaletica

La segnaletica è chiara e abbondante. Bisogna inizialmente seguire per il Rifugio Resegone, e una volta raggiunto, continuare verso il Rifugio Azzoni. L’unico dubbio potreste averlo a qualche centinaio di metri dall’inizio, davanti a un cartello che indica il Rifugio Monzesi: ignoratelo e proseguite sul tornate asfaltato. Resegone Il percorso parte subito in salita. Il dislivello è infatti significativo: 1.061 metri di salita sono tanti, e meritano la classe E di difficoltà. Non ci sono però strappi troppo importanti. E’ un costante salire, che a tratti si fa più impegnativo, ma mai troppo. Il primo tratto si svolge tra le campagne e le abitazioni dei paesani. Comincia quindi un sentiero nel bosco, il cui fondo, non regolare, rimane comunque abbastanza semplice da percorrere. Dopo il Rifugio Resegone incontriamo un altro tratto di bosco molto suggestivo, con un fondo morbido e un dislivello poco pronunciato. Ancora poche centinaia di metri e la pendenza si fa più intensa salendo velocemente di quota. Gli alberi, così fitti fino a poco tempo fa, si diradano fino a sparire, e il fondo, sempre più sassoso, rende gli ultimi 600m di salita i più impegnativi.

Il paesaggio

Molto suggestivo fin dai primi passi. L’ampia visuale sulle colline circostanti, il bosco, la presenza sporadica di abitazioni, e i brevi quanto affascinanti scorci sulle vallate e le cime intorno, vi faranno sentire completamente immersi nella natura. Nell’ultimo tratto il paesaggio cambia completamente, e quando arrivati in vetta si guarda dall’altra parte lo spettacolo è mozzafiato. Resegone Un solo colpo d’occhio abbraccia i laghi di Como, lago di Annone e di Pusiano, circondati dalle loro grandi città e da colline ricoperte di fitti boschi. Lo sguardo copre decine se non centinaia di chilometri, e la sensazione è proprio quella di trovarsi in cima al mondo, sopra tutto e tutti, in un luogo davvero unico. Un sentiero dall’aspetto decisamente impervio risale lungo il versante lecchese del Resegone: un altro percorso, questa volta da Lecco, raggiunge infatti il Rifugio Azzoni, in una sfida che per fondo e pendenza sarebbe risultata più impegnativa rispetto a quella appena affrontata. La presenza di un rifugio in questo luogo isolato risale ai primi del ‘900, quando un abitante di Brumano costruì una baita per cacciatori e pastori. Dopo diversi migliorie, durante la Seconda Guerra Mondiale, la struttura venne distrutta da un rastrellamento perchè sede di un comando di partigiani, finchè negli anni Cinquanta venne ricostruita, diventando come oggi un importante punto di accoglienza per gli escursionisti. Resegone Per chi volesse approfittare del Rifugio Azzoni per un buon pasto caldo consiglio di prenotare, soprattutto se è domenica. Lo stesso vale per coloro che desiderano rimanere lì per la notte, anche se i posti letto non mancano.

Ora manca solo la discesa, per la quale vi servirà circa un’ora e mezza.

Assolutamente una bella giornata da ricordare e raccontare agli amici.

Dati tecnici
Deborah Torreggiani

Deborah Torreggiani

Ciao, sono Deborah e faccio uno dei lavori più belli che ci siano, organizzo viaggi a piedi viaggiando! Zaino, scarpe da trekking e un Mac portatile è tutto quello che mi serve per esplorare nuovi cammini e creare nuove esperienze di viaggio. Sono ottimista per natura e sempre pronta a nuove avventure. Esplorare in lungo e in largo gli Stati Uniti è il mio grande sogno, e non vedo l’ora di realizzarlo.

2 risposte

  1. Ciao,sono un appassionato di montagna ma da fare in bici da corsa.
    Volevo sapere se il monte Resegone si può fare in bici.Grazie Alessandro da Treviso

    1. Buonasera Alessandro, sinceramente non credo, non ci è mai capitato di vedere persone in bici anche perchè alcuni punti sono su sassaia ed è faticoso già a piedi. Almeno quello descritto in questo articolo credo non sia fattibile.. non so se ci sono altri percorsi.

      Mi spiace non esserti molto d’aiuto.

      Grazie
      Vincenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I nostri viaggi

Abbiamo creato decine di proposte di viaggi a piedi in Italia e nel Mondo.

Scopri come viaggiare con noi 〉

Seguici sui social

Categorie

Post recenti

Follow Us

Iscriviti alla nostra Newsletter

Richiedi il tuo viaggio

Verrai contattato da un nostro consulente esperto, a te dedicato, che realizzerà un preventivo personalizzato per il tuo viaggio a piedi

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago

cookie

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per finalità tecniche, statistiche e di profilazione.

Facendo clic su “Accettare”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consultare la nostra Cookie Policy

Vuoi ricevere le nostre offerte di viaggio?

Inserisci i tuoi dati qui