Il sentiero delle Gole del Calore (Sa)

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Un percorso ad anello di quasi 9 km all’ombra dei boschi, che nel cuore del Parco nazionale del Cilento conduce sul sentiero delle Gole del Calore
il sentiero delle gole del calore

Dati Tecnici


Inizio : Remolino, Felitto (Sa)


Fine : Percorso ad anello


Lunghezza : 8,8 Km


Tracciato :  Sentieri


Difficoltà : Turistico/Escursionistico


Dislivello : +/- 300 m

Nel cuore del Parco nazionale del Cilento, vicino al piccolo quanto suggestivo borgo di Felitto, il fiume Calore forma due delle cinque gole che da monte ne caratterizzano il corso.

Il sentiero delle Gole del Calore che andremo a raccontarvi segue in particolare la quarta gola, che per la sua conformazione geologica permette di essere percorsa anche con le canoe e scoperta via acqua.

Lungo il suo corso, dalla sponda sinistra del fiume, potrete vedere alcuni esempi di “marmitte dei giganti”, fori circolari scavati nelle rocce, dovuti alla presenza di mulinelli d’acqua nel fiume.

il sentiero delle gole del calore

Merita una foto anche il ponte naturale di Pretatetta, formatosi secoli fa a seguito di una frana, e composto di enormi massi incastrati l’uno sull’altro e sospesi a pochi metri dal fiume.

Un altro ponte, medievale questa volta, si erge in tutto il suo splendore al termine del sentiero, prima del “giro di boa”. Davvero magnifico.

Informazioni generali sul sentiero delle Gole del Calore

Il sentiero delle Gole del Calore è un anello di 8,8 km che dall’Oasi di Remolino, a Felitto, costeggia per 5,5 km il fiume fino al ponte medievale, e da qui un sentiero più interno fino al punto di partenza.

Si parte da quota 230m e si arriva, nel primo tratto, oltre i 400m d’altezza.

L’alternanza di sali e scendi, spesso ripidi, rende il percorso dinamico e piacevole da percorrere. I numerosi scalini di roccia e di legno aiutano nello sforzo, e le panchine che si incrociano lungo le salite permettono di riposarsi un po e godersi l’atmosfera del bosco.

Adatto a tutti, nella scala di difficoltà escursionistica si classifica al livello T, il più basso.

La vegetazione è fantastica e ricca di pungitopo e felci.

La segnaletica è presente e puntuale, e si compone di segnali verticali, pennellate bianco rosse e cartonati informativi nei punti d’interesse più importanti.

Il sentiero, di terra, è battuto e molto curato, e soprattutto nel periodo estivo saranno molte le persone che incontrerete lungo il vostro stesso tragitto.

All’altezza del ponte naturale di Pretatetta, incontrerete una variante: un ponte di legno conduce sul versante opposto della gola, da dove inizia un secondo sentiero che sale fino al paese di Magliano Vetere. Voi non seguitelo, ma al contrario, continuate sulla sponda sinistra del fiume.

L’oasi di Remolino e l’inizio del sentiero delle Gole del Calore

il sentiero delle gole del calore

Il sentiero delle Gole del Calore parte dall’oasi di Remolino, una piccola località di Felitto ( SA) protetta dal WWF.

Qui sorge un’area attrezzata con fontana, servizi igienici, tavoli da pic nic, ristorante, e un parcheggio a pagamento, dove poter lasciare l’auto fino a sera. Se decidete di pranzare al ristorante prenotate fin dalla mattina, dopo potreste non trovare più posto.

La piccola diga crea un bacino d’acqua dove poter fare il bagno e prendere il sole, ed è possibile noleggiare i kayak per risalire il fiume. Un luogo davvero molto frequentato nella stagione estiva.

Dalla diga troviamo i primi segnali dei sentieri. Una scala in pietra e un corrimano in legno facilitano la salita e in pochi metri ti trascinano nel mezzo delle gole. La vista è magnifica, e la valle, col suo fondo roccioso di colore bianco, mette in grande risalto l’acqua cristallina del fiume.

Il percorso 

Il primo tratto del sentiero delle Gole del Calore si sviluppa quasi interamente nella gola, lungo il corso del fiume e totalmente immerso nel bosco.

Dopo aver percorso così 4 km, ci ritroviamo in una grande e magnifica vallata, fuori dal bosco e in un punto molto in alto. Da qui potrete ammirare le bianche pareti di roccia che racchiudono la gola e il letto del fiume.

Ancora qualche metro e scorgerete, proprio sotto di voi, il bellissimo ponte medievale, appena ristrutturato, che unisce le due sponde del Calore.

A frapporsi tra voi e il ponte solo una lunga e ripida scalinata, che ringrazierete di non dover ripercorrere in salita.

Vi trovate ora al “giro di boa”, e potete scegliere tra due possibilità: tornare al punto di partenza facendo il percorso a ritroso, oppure continuare sulla carrareccia e ritornare a Remolino aggirando la montagna.

La scelta più logica è proseguire, sia perché la strada è più breve, sia perché è un’occasione per vedere paesaggi nuovi.

Dal ponte proseguite per 50m sulla carrareccia e al bivio girate a sinistra. Trattandosi di proprietà privata dovrete oltrepassare un filo spinato.

Da qui una strada sterrata guadagna più di cento metri di dislivello in un chilometro.

Seguitela fino a che non incontrate una curva a gomito: proprio qui, sulla sinistra, si dirama un percorso di terra. Seguitelo. Non incontrerete case, solo un sentiero nel bosco.

Questa vi condurrà direttamente alla diga all’interno dell’oasi Remolino.

Un consiglio

Una volta concluso il sentiero delle Gole del Calore non andate via senza aver prima assaggiato un piatto di fusilli al sugo. Si tratta di una pasta fatta in casa tipica di Felitto, che famosa in tutto il Cilento, attira ogni anno, per la sagra, migliaia di persone.

Attenzione! Prima di partire controllare che il percorso sia ancora percorribile contattando l’oasi di Remolino.

Deborah Torreggiani

Deborah Torreggiani

Ciao, sono Deborah e faccio uno dei lavori più belli che ci siano, organizzo viaggi a piedi viaggiando! Zaino, scarpe da trekking e un Mac portatile è tutto quello che mi serve per esplorare nuovi cammini e creare nuove esperienze di viaggio. Sono ottimista per natura e sempre pronta a nuove avventure. Esplorare in lungo e in largo gli Stati Uniti è il mio grande sogno, e non vedo l’ora di realizzarlo.

9 risposte

    1. Ciao Luigi questo sentiero, come tutti quelli che trovi sul nostro sito sono stati testati da noi, e ti posso dire con certezza che dall’area di ingresso dell’Oasi fino al ponte di pietra il sentiero può essere considerato turistico senza alcun problema.. pochi dislivelli, tratto breve, battuto molto bene e adatto a tutti..

      Secondo te come dovrebbe essere classificato?

      Grazie

      Vincenzo – Founder Apiediperilmondo

      1. Forse chi ha commentato si riferiva al fato che, al ritorno, si deve passare dentro una proprietà privata. Però voi lo segnalate, quindi, la vostra descrizione é puntuale e precisa. Sapete dirci se, ora, vale a dire nell’estate 2021, il sentiero é percorribile? Grazie

  1. Oggi 18 agosto 2021 ho percorso il sentiero. L’intero anello con un paio di deviazioni per rinfrescarsi sono dieci km spaccati.
    Non concordo minimamente con la dicitura turistico, forse lo è nei primi tre km dopo diventa escursionistico ed anche un pelo in più. Fatelo solo se siete allenati e con molta acqua e scarpe adeguate come lo ero io (c’era gente pazza in infradito che non riusciva più a tornare indietro).

  2. Saluto tutti i trekkers appassionati come noi. Il 12 agosto abbiamo effettuato con altri escursionisti il giro ad anello classificato come T (turistico), fino al ponte medioevale e quindi ritorno attraverso la carrareccia. Il percorso è nell’insieme veramente molto bello e consigliabile per chi è abituato a camminare, con fantastico bagno finale nel fiume, ma nel suo complesso dovrebbe essere considerato “E”, almeno nel tratto che prosegue dal ponte di Pietratetta fino al ponte medievale e ritorno dalla carrareccia, limitando il “T” appunto al primo tratto fino al ponte di Pietratetta e ritorno. Meriterebbe inoltre maggiore manutenzione in quanto abbiamo trovato montagne di plastica in prossimità dell’area di sosta del ponte medievale, traboccanti dai contenitori. Non vanno trascurati questi “accorgimenti”, non lasciamo macchie nel ricordo di questo magnifico percorso.

    1. Ciao Piero, grazie per la vostra testimonianza.

      La manutenzione e la pulizia dovrebbe occuparsi l’oasi delle Gole del Calore di Felitto, purtroppo il nostro è solo un articolo informativo.

      Grazie
      Vincenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Richiedi il tuo viaggio

Verrai contattato da un nostro consulente esperto, a te dedicato, che realizzerà un preventivo personalizzato per il tuo viaggio a piedi

Il sentiero delle Gole del Calore (Sa)

Come Prenotare

Il modo più semplice per prenotare un viaggio sul nostro sito Apiediperilmondo.com è compilare il modulo di contatto presente nella pagina del viaggio desiderato.

Un nostro consulente vi ricontatterà nel più breve tempo possibile.

Un’altro metodo è cliccare sul tasto “Chiama e Prenota” un nostro operatore risponderà dall 09:00 alle 20:00 dal Lunedì al Sabato.

Oppure chiamaci e un nostro consulente sarà felice di aiutarti:

 
 
 

SHARE THE LOVE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su email
Email

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago

Visita il nostro nuovo portale di viaggi dedicato al

Cammino di santiago


cookie

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per finalità tecniche, statistiche e di profilazione.

Facendo clic su “Accettare”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consultare la nostra Cookie Policy

Consigli di viaggio direttamente nella tua email.

Puoi cancellare la tua iscrizione in qualsiasi momento