Favicon.apiediperilmondo
Viaggio di gruppo

Cammino di
Santiago
da Leon

310 km

di Cammino

13

Tappe

15

Giorni

14

Notti

Ideati per chi, come te, ama viaggiare in gruppo, conoscere persone nuove e avere un supporto organizzativo in ogni fase del viaggio, i nostri viaggi a piedi sul Cammino di Santiago vogliono darti la possibilità di vivere questa esperienza in tutta sicurezza e tranquillità.

riceverai una

notifica

per le nuove date

38
5/5

Informazione sul viaggio

  • Prenotazione facile
    Riserva il tuo posto direttamente cliccando sul tasto prenota seguendo le istruzioni.
  • Gruppo piccolo
    Massimo 10 partecipanti
  • Partenza confermata
    Minimo 6 partecipanti
  • Costo fisso
    Non ti verrà richiesto nessun budget aggiuntivo
  • COVID-19
    In caso di mancata partenza dovuta a restrizioni da Covid-19 la quota di iscrizione verrà completamente restituita!

Informazioni importanti

  • Camere condivise
    Condividerai la camera doppia/tripla con uno o più partecipanti al viaggio
  • Allenati per la partenza
    Prima di partire per questo viaggio vai a fare qualche passeggiata di almeno 10 km sia nel parco vicino casa che in montagna. Ti permetterà di goderti al meglio il viaggio.
  • Cosa portare con te
    Al momento della conferma del viaggio ti verrà comunicato cosa portare con te e come preparare lo zaino per il tuo viaggio a piedi.

✔︎ 2 Coordinatori Apiediperilmondo

✔︎ Assicurazione medica

✔︎ Credenziale Cammino

✔︎ Kit Apiediperilmondo

✔︎ 14 Pernottamenti in B&B e hotel, in camera doppia/tripla

✔︎ Trattamento Mezza Pensione

Trasporto Zaino da tappa a tappa ( su richiesta)

Tutti i pranzi che verranno svolti al sacco lungo la tappa

Il Cammino di Santiago, anche conosciuto come Cammino Francese, è in assoluto il tratto più conosciuto e famoso tra le vie di pellegrinaggio di tutto il mondo. Patrimonio Unesco dal 1993, fin dal Medioevo collegava tutta Europa alla città di Santiago de Compostela, dove allora come oggi sono conservate le spoglie di San Giacomo il Maggiore.

Oggi la sua fortuna è determinata proprio dal grande valore storico di moltissimi luoghi che attraversa, della presenza di magnifiche città d’arte, come Pamplona, León, Burgos, Astorga, e Ponferrada, e dalla grande varietà paesaggistica.

Proprio quest’ultima rappresenta un grande valore aggiunto! Il Cammino Francese attraversa infatti regioni molto diverse tra loro: la Navarra, con le sue montagne, colline, boschi e immensi campi di girasoli; la Rioja, con le sue distese di vigneti e la terra rosso fuoco; la Castilla y León, coi suoi altipiani, i suoi campi dorati bruciati dal sole, e le sue montagne; la Galicia, regione verde per eccellenza, coi suoi boschi di querce ed eucalipti e le sue verdi e sinuose colline verdi.

Il viaggio che proponiamo parte da León, una delle città più belle della Spagna settentrionale. Ci troviamo nella regione della Castilla y León, a circa 310km di distanza da Santiago de Compostela.

Il Cammino si divide quindi in 13 tappe, con una media di 20-25km al giorno, e con tappe corte e defaticanti in corrispondenza delle grandi città, così da darti il tempo per visitare le sue principali attrazioni.

Le soste saranno tutte, o quasi, in corrispondenza dei paesi, in  modo che tu abbia sempre accesso ai servizi fondamentali. Siamo attenti ad ogni particolare e scegliamo per te le strutture migliori possibili.

Giorno 1

Arrivo a León e pernottamento in città.


Giorno 2

Tappa 1 – da León a Hospital de Orbigo – 32km  +160m  -170m  7 ore

La prima tappa, da León a Hospital de Orbigo, sebbene sia di 32km, non presenta alcuna difficoltà.

I dislivelli sono praticamente inesistenti, e l’entusiasmo del primo giorno di cammino rende la sfida sicuramente vincibile.

Non molte le aree di sosta lungo il percorso, ma sufficienti per procedere in tutta tranquillità senza problemi. Hospital de Orbigo è inoltre un bel paese che vale la pena vedere e nel quale godersi una bella serata. 


Giorno 3

Tappa 2 – da Hospital de Orbigo ad Astorga – 16,5km  +140m  -90m  4 ore

La tappa lunga del giorno prima consente di arrivare ad Astorga in mattinata, dopo sole 3,5/4 ore di cammino. Astorga è infatti una città ricca di attrazioni e monumenti da visitare, e il tempo in più a disposizione permette quindi di immergersi con calma nella vita di questa città.


Giorno 4

Tappa 3 – da Astorga a Foncebadón – 26km  +670m  -150m  6 ore

Si lascia Astorga e il pianeggiante altopiano, e si comincia gradualmente a salire fino a raggiungere i 1400m di altitudine di Foncebadón.

Il sentiero che conduce in vetta è magnifico, e a  parte la fatica della salita, presenta un fondo semplice e sicuro. Decisamente una delle più belle tappe di tutto il Cammino.


Giorno 5

Tappa 4 – da Foncebadón a Ponferrada – 27km +260m  -1140m  6 ore

Tappa tanto impegnativa quanto bella quella da Foncebadón a Ponferrada.

Si lascia la località montana e dopo appena 2km si arriva a uno dei punti del Cammino più famosi e conosciuti, la Cruz de Hierro.

Dopo una mezzora si giunge a un altro luogo caratteristico, Manjarín, dove ha sede un albergue per pellegrini davvero particolare.

Un’impegnativa discesa conduce quindi alla località di El Acebo, perfetta per una sosta rigenerante in vista dei 15km ancora mancanti per completare la tappa.

Si continua quindi a scendere fino a Molinaseca e infine Ponferrada, attestandosi a  quota 535m.


Giorno 6

Tappa 5 – da Ponferrada a Villafranca del Bierzo – 24km  +625m  -660m  5 ore

Tappa defaticante dopo le due precedenti e in attesa di quella per O Cebreiro.

Sebbene si tratti comunque di 24km, i dislivelli sono quasi inesistenti, un toccasana per ginocchia e fiato!

Numerosi i possibili punti sosta lungo la tappa, che permettono di riposarsi con una certa frequenza.


Giorno 7

Tappa 6 – da Villafranca del Bierzo a O Cebreiro – 28km  +1000m  -240m  7 ore

Una delle più temute salite di tutto il Cammino è quella che si sviluppa in questa sesta tappa per raggiungere O Cebreiro ed entrare quindi in Galicia.

In realtà non è peggio di quella già affrontata per arrivare a Foncebadón, con l’aggravante dei tanti chilometri sotto i piedi. In effetti 28km non sono pochi, ma ci sarà tempo di riposarsi nei giorni successivi.

Si passa così dai 500m di Villafranca del Bierzo ai 1300m di O Cebreiro. La salita vera comincia a 8km dalla meta, guadagnando solo in quel tratto 640m di altitudine.

Quel che è certo è che il panorama ripaga ampiamente la fatica. O Cebreiro poi è magnifica.


Giorno 8

Tappa 7 – da O Cebreiro a Triacastela – 21km  +220m  -840m  4 ore

La tappa da O Cebreiro a Triacastela è abbastanza semplice, tutta in discesa tranne qualche sali e scendi iniziale.

Anche il basso numero di chilometri aiuta, appena 21km. Si comincia ad entrare più profondamente in questa nuova regione, la Galicia, camminando tra le sue verdi colline e i rigogliosi boschi.


Giorno 9

Tappa 8 – da Triacastela a Sarria – 18km  +300m  -580m  4 ore

Tappa facile, con pochissimo dislivello, e pochi chilometri da percorrere.

É possibile però allungarla di 7km passando per il monastero di Samos, una deviazione che vale la pena di fare se le gambe e lo spirito reggono.

Si giunge così a Sarria, un paese abbastanza grande e punto di partenza per le moltissime persone che vogliono affrontare solo gli ultimi 100km del Cammino di Santiago.


Giorno 10

Tappa 9 – da Sarria a Portomarín – 22km  +564m – 668m  5ore

Ben riposati dalla tappa defaticante del giorno prima, anche questa da Sarria a Portomarín si caratterizza per la sua semplicità.

Si attraversano campi, verdi pascoli e i piccoli borghi rurali di Barbadelo, Ferreiros, Mercadoiro e Vilachá.  Si passa accanto al famoso quanto desiderato mojon del Km100, un traguardo importante per chiunque arrivi da lontano.

Si giunge così alla città di Portomarín e alla sua ripida scalinata di pietra.


Giorno 11

Tappa 10 – da Portomarín a Palas de Rei – 25km  + 467m  – 331m  6ore

Si esce da Portomarín e si percorre subito un bel sentiero nel bosco.

Tutta la prima parte di tappa si sviluppa in salita, raggiungendo i 725m di altitudine presso la località di Ventas de Narón.

Anche se in mezzo alla natura, si cammina prevalentemente su asfalto, intervallando piccoli caseggiati a spazi immersi nella natura.

Si raggiunge così Palas de Rei, dove si trascorre la notte in attesa della tappa seguente.


Giorno 12

Tappa 11 – da Palas de Rei ad Arzúa – 29km  +512m  -685m  8ore

É questa la tappa più lunga e impegnativa di questo ultimo tratto di  cammino, ben 29km e circa 8 ore di cammino fino ad Arzúa.

Aumentano rispetto al giorno precedente il numero di chilometri su  sentiero e in mezzo al bosco, regalando paesaggi certamente più belli.

Esattamente a metà della tappa troviamo Melide, una cittadina abbastanza grande, tappa obbligata per gli amanti del pulpo a la gallega, una specialità tutta locale.

Tra sali e scendi si arriva quindi al borgo di Ribadiso, caratterizzato da un bel fiumiciattolo dove far trovare refrigerio ai propri piedi.

Ancora pochi chilometri e si arriva ad Arzúa, fine della nostra tappa.


Giorno 13

Tappa 12 – da Arzúa a O Pedrouzo – 19,5km  +320m  -420   5ore

Tappa relativamente semplice, che permette di riposarsi e defaticare dopo la giornata impegnativa di ieri.

Anche oggi si intervallato tratti asfaltati a sentieri nei boschi, permettendo al pellegrino di camminare per lo più all’ombra degli alberi. Bar e luoghi di ristoro non mancano, e consentono una pausa in più a chi comincia ad accusare la fatica.

Un lungo stradone e si arriva a O Pedrouzo. Mancano ora solo 20km alla meta.


Giorno 14

Tappa 13 – da O Pedrouzo a Santiago de Compostela – 20km  +502m  -540m  5ore

Tredicesima e ultima tappa di questo Cammino da Leon.

L’emozione è palpabile e l’entusiasmo si mescola alla consapevolezza nostalgica che questa avventura sta finendo.

Una serie di sali e scendi ci porta, dopo circa 15km, a Monte de Gozo, dalla cui sommità si può ammirare Santiago e la sua cattedrale in lontananza.

Assolutamente da non perdersi il monumento al pellegrino, che vale i 500m in più per raggiungerlo. In un batter d’occhio si entra in città, si attraversano i suoi viali e le sue più strette viuzze, si oltrepassa la porta di Santiago e si giunge così a Plaza do Obradoiro.

Da quel selciato si può finalmente dire di essere arrivati e ammirare così, soddisfatti, la magnifica Cattedrale dedicata a San Giacomo. Ritiro della Compostela presso la Oficina del peregrino.


Giorno 14

Rientro

Apri la Chat!